Come Fare Amici Italiani

Compartilhe este post

Molte persone ci chiedono come fare amici italiani. Prima di tutto bisogna conoscerli un po’. Angélica ha deciso di dare qualche consiglio a chi vuole conoscere di più questo popolo e capire se è facile fare amici italiani.

Quando si va a vivere in un Paese nuovo la cosa più naturale è voler conoscere le persone del posto, parlare con loro per conoscerli meglio, fare domande e, perché no, fare qualche amicizia.

Per me non è mai stato difficile socializzare; trovare amici non si è mai presentato come un problema… finché sono arrivata in Italia. Ma tranquilli, non vuol dire che gli italiani siano cattivi o che se la tirano, no. Vuol dire che quando decidi proprio di cambiare vita e di andare in un Paese non come turista, ma come vero cittadino, il contesto cambia, le cose diventano un po’ più complesse ma non impossibili.

Come fare amici italiani: guida pratica

Vivo da un po’ di anni in Italia e anche se è stato molto difficile all’inizio fare amici italiani, alla fine ho scoperto che loro non mordono! Vi lascio così questa specie di “guida pratica” con un po’ di informazioni su quale sarebbe il miglior modo di fare amici italiani per uno straniero.

1. Salutare. Le buone maniere aprono le porte dappertutto. Un “buongiorno” con un sorriso e un semplice “grazie” può segnare un bel inizio.

2. Se i vicini di casa ti offrono un caffè, accettalo! Non ho trovato ancora un italiano a cui non piaccia condividere un caffè. Se te lo offrono vuol dire che si fidano subito di te e vogliono “sapere di più”. Se puoi ricambiare l’invito un altro giorno, fallo anche tu! Sarebbe un bellissimo inizio.

3. La pizza è la tua alleata. Se hai già scambiato qualche parola con i vicini di casa che hanno più o meno la tua stessa età oppure con qualche persona in palestra, organizza una pizzata: “Ragazzi, vi va di mangiare una pizza insieme questo venerdì?” Con la pizza vincerai sempre. Stranamente un italiano dice di no ad una pizza, praticamente non sarebbe italiano.

4. Non rinunciare mai ad un aperitivo. Lo stesso di sopra vale anche con gli aperitivi: andare a prendere un drink in un locale dove ti danno anche da mangiare qualche stuzzichino. Questo funziona molto spesso per i giovani lavoratori e fra i colleghi.

5. È importante sapere che cosa NON dovete fare: essere invadenti. Gli italiani possono essere aperti ma allo stesso tempo discreti con i loro spazi e vite personali. Quindi, attenzione con il fatto di non oltrepassare i limiti della fiducia, perché a differenza dei nostri Paesi latinoamericani, dove ci raccontiamo tutta la nostra vita e i nostri problemi dopo 5 minuti che ci conosciamo, per un italiano ci vuole molto più tempo. Per loro non è bello che una persona appena conosciuta, cominci a chiedere sulla loro vita personale; devi lasciare che loro si aprano, altrimenti rischi di invadere il loro spazio personale e creare l’effetto contrario di quello che volevi. Questo specialmente con gli italiani del Nord.

6. Fai un corso di cucina. O di una cosa che interessi sia agli italiani che a te. In questo stesso senso, partecipare anche alle attività di volontariato aiuta moltissimo! Questo ti permette di entrare in contatto con delle belle persone, oltre a fare del bene agli altri; il volontariato ti aiuta anche a capire molto la realtà italiana e andare oltre alla superficialità a cui siamo abituati.

7. Parla con le persone anziane. Per ultimo e una delle opzioni che secondo me è quella più carina. Magari non farai un’amicizia come quella che hai in mente, ma imparerai molta italianità e sentirai tante storie belle. 

Avere buoni amici italiani gratifica

Nella mia esperienza, questo è un aspetto che mi ha portato tantissima soddisfazione! Oltre al fatto di ricevere la saggezza di queste persone che ti raccontano com’era l’Italia di prima rispetto a quella di oggi, una cosa già fantastica, a loro fa piacere parlare e ascoltare perché di solito sono persone che vivono da sole e sono veramente contenti se gli parli.

Vi racconto una piccola storia al riguardo: una sera mi sono avvicinata ad una signora perché pioveva moltissimo ed entrambe aspettavamo lo stesso tram, io le ho offerto di stare sotto il mio ombrello e lei subito mi ha fatto un sorriso e ha accettato. Quando siamo salite sul tram, mi ha raccontato che da giovane aveva fatto l’insegnante d’inglese e che è stata una delle prime persone a creare i viaggi-studio all’estero per imparare le lingue.

Poi, incuriosita mi ha chiesto di dove sono, così le ho raccontato brevemente la mia storia e siamo arrivate all’ assurda coincidenza che lei aveva una carissima cugina nel mio Paese. Questa cosa le ha fatto così tanto piacere che mi ha chiesto il numero di telefono per offrirmi addirittura un lavoro! Così ho cominciato a insegnare spagnolo in Italia, grazie a Marilù, una siciliana che ha regalato alla sua nipote un corso di spagnolo con me. Poi mi ha anche invitato a mangiare a casa sua, una dolcezza di persona.

In conclusione: bisogna avvicinarsi alla cultura che ci ospita, alla fine siamo noi che dobbiamo abituarci al nuovo contesto, dopodiché diventa molto più facile cominciare a condividere aspetti anche della nostra cultura.

Testo di Angélica M. Velazco J.

 

Leia também o artigo em Português: Como Fazer Amigos Na Itália

Faça o exercício desse artigo: Esercizi

Veja também:

Storia di Aline Aquino Gargiulo

“Ho un debito con l’Italia”   Con queste parole inizia la storia di Aline Aquino Gargiulo. Aline è una donna sempre sorridente, molto educata e

Leia mais

Roma

ROMA Para quem ainda não conhece Roma, descobrirá que é impossível caminhar de um ponto a outro sem explorá-la  Texto elaborado a partir da live

Leia mais

Itália da Giulia · 2023 © Todos os direitos reservados