Studiare A Tempo Debito

Compartilhe este post

Che cosa significa studiare a tempo debito? Significa studiare nel momento giusto, nei ritmi e nei tempi che ognuno di noi ha.

Sebbene la disciplina porti con sé dei risultati positivi, è anche vero che esistono tempi diversi per ognuno di noi. Per imparare una lingua, oltre a ricordare sempre la motivazione che ti ha spinto a farlo, devi conoscere bene te stesso, capire in quale modo impari meglio: ascoltando? parlando? leggendo? memorizzando?

La costanza è tutto in qualsiasi nuova strada tu decida intraprendere. È così anche nell’apprendimento delle lingue: più ti immergi, più probabilità di successo avrai.

Come lo studio può essere efficace

Prima di tutto, organizzazione

Magari avevi in testa un super piano di studio di due ore al giorno per imparare a parlare italiano in “X” mesi, ma in realtà adesso ci sono urgenze di lavoro, imprevisti familiari, hai un raffreddore o semplicemente non te la senti…

Tutto ok, respira, non importa se non fai quelle due ore al giorno, non devi assolutamente sentire frustrazione per non mantenere questa ambiziosa promessa con te stesso. Non importa. Riorganizzati per studiare a tempo debito.

Studiare almeno 15 minuti o mezz’ora al giorno

Ora che sei consapevole delle difficoltà che si possono presentare, programma un po’ di tempo tutti i giorni da dedicare allo studio. Sicuramente è meglio di non fare nulla.

L’importante è farlo per mantenere sempre attiva quell’idea dell’apprendimento della lingua. Se studi un po’ alla volta, pian piano il tuo corpo comincerà ad abituarsi.

Creare l’abitudine di studiare a tempo debito

Alcuni esperti dicono che ci vogliono da tre a nove settimane per creare una nuova abitudine, a seconda della difficoltà del compito: esercizio, lavoro, scuola, corso Esperienza con Giulia…

Il fatto è che una volta creata l’abitudine, il tuo stesso corpo, il cervello e l’intuizione ti avviseranno e ti guideranno nella tua sfida linguistica.

La mia personale motivazione

Vi racconto il mio caso con l’apprendimento della lingua portoghese.

Da quando ero all’università, circa 7 anni fa, ho sempre avuto quel desiderio di voler imparare a parlare come voi, amici brasiliani; all’epoca avevo conosciuto tanti brasiliani in circostanze diverse:  durante il mio viaggio in Italia per imparare italiano, alla festa di compleanno di una persona che non conoscevo, nel mio residenze, ecc.

Tutti sono stati simpaticissimi con me e, infatti, ho cominciato a studiare la vostra lingua con una mia amica brasiliana, ma in quel momento, la mia unica motivazione era: “i brasiliani sono simpatici, vorrei parlare come loro”.

Ovviamente, questa motivazione non ha retto, non era abbastanza solida per continuare e i miei altri impegni del momento si sono fatti più importanti del portoghese. Ma un anno fa ho trovato quella vera motivazione che mi mancava e che adesso mi ha spinto a iscrivermi ad un corso di portoghese A1 a Milano.

La motivazione è quella di voler comunicare veramente per fare meglio il mio lavoro, vorrei capire quello che Giulia, Consuelo ed Ivair dicono quando parlano nelle riunioni senza poi chiedere loro.

Inoltre, vorrei riprendere la mia passione per le lingue, provare nuovamente quello che si sente quando si fa la bella scoperta di comunicare le proprie idee in una maniera diversa, e, perché no, capire cosa dicono le canzoni di Samba che a me piace ballare.

L’emozione della scoperta di un nuovo mondo

Una volta che hai imparato una nuova lingua non puoi farne a meno. La vuoi usare in qualsiasi situazione, rimani sorpreso quando capisci i film, quando scopri cosa diceva quella canzone la cui musica ti piaceva ma non avevi idea di che cosa parlava il testo; quando comunichi con dei madrelingua e ti capiscono!

Secondo me, la sensazione che si prova è simile a quella che ha provato Cristoforo Colombo quando ha scoperto l’America:

C:\Users\Angelica\Contacts\Downloads\christopher-columbus-1296470_1280.png

Il miglior momento per imparare una nuova lingua è quando non hai tempo, perché quando non hai tempo ti organizzi meglio e dai un vero valore ad ogni secondo investito. 

Per alcuni, creare una routine risulta molto positivo. Magari sono dei cervelli più “pragmatici”; ma anche i cervelli più “liberi e creativi” possono creare una nuova dinamica positiva. La questione fondamentale in questo processo è ricordare SEMPRE la tua motivazione: perché hai deciso di studiare italiano?

Andando più sullo specifico, al momento d’imparare una nuova lingua è necessario prendere e circondarsi di qualsiasi tipo di contenuto che ti aiuti a “immergerti” nella lingua.

La tecnologia può aiutare l’apprendimento

Ricorda che non siamo nell’Età Media, adesso abbiamo Internet e gli smartphone quindi, per esempio, comincia a impostando il tuo cellulare in italiano!

Bisogna fare di tutto un po’, o un po’ di tutto: leggere, parlare, scrivere, giocare, guardare o fare video, ascoltare musica o podcasts, leggere libri semplici – come quelli per bimbi –  e leggere libri più complessi su temi di tuo interesse, o anche cantare! Va bene tutto!

Racconta i tuoi fatti quotidiani, quelli che vuoi tu ai tuoi compagni di corso, approfitta che hai una chat a completa disposizione per condividere informazioni con altre persone che hanno una tua stessa passione.

Per aiutarti a trovare il tuo ritmo e a crearti l’abitudine di studiare italiano, potresti dividere le attività precedenti per giorni: lunedì leggi, martedì parli nella chat, mercoledì scrivi un messaggino anche piccolo, giovedì cerchi un gioco, venerdì guardi o fai un video corto, sabato ascolti una canzone e domenica stacchi un po’, ti riposi o fai quello che vuoi!

Così, se ogni giorno fai mezz’ora di immersione linguistica, a fine mese avrai studiato 12 ore, e in un trimestre avrai studiato 36 ore! Non mi sembra un sacrificio esagerato.

Una volta che avrai acquisito l’abitudine con poco sforzo, potresti aumentare il ritmo, da mezz’ora ad un’ora, così, fra qualche mese di sicuro potrai scambiare delle belle frasi nella tua nuova lingua.

Alla fine siamo esseri umani, con una vita, con degli impegni, con degli imprevisti. Non tutto deve essere perfetto in questo processo, anzi, tutto al contrario: bisogna sbagliare per poi ragionare e migliorarsi.

In più, ognuno è diverso e ha delle tempistiche di apprendimento diverse, quindi evita di paragonarti agli altri, ognuno definisce il proprio ritmo. Studiare a tempo debito significa proprio questo.

La cosa importante è che tu faccia diventare l’apprendimento di una lingua un vero e proprio progetto. Così, tenendo presente questo concetto, acquisirai un ritmo di studio in maniera naturale, ricordando sempre e soprattutto qual è la tua motivazione e quali saranno i risultati dopo che avrai imparato la nuova lingua.

Ti garantisco che i risultati supereranno le tue aspettative, perché una volta che hai aperto la porta a una nuova lingua, è difficilissimo – se non impossibile – richiuderla.

Hai sentito di qualcuno che ha imparato una lingua e poi l’ha dimenticata completamente? Ti sfido a trovare questa persona!

  • Per approfondimenti:
  1. (Ti consiglio di vedere questo Ted Talk con i sottotitoli in italiano)
  2. Quanto ci vuole per creare un’abitudine?

Angélica M. Velazco J.

Leia o artigo em português: Estudar No Momento Oportuno

Faça o exercício desse artigo: Esercizi

Veja também:

Storia di Aline Aquino Gargiulo

“Ho un debito con l’Italia”   Con queste parole inizia la storia di Aline Aquino Gargiulo. Aline è una donna sempre sorridente, molto educata e

Leia mais

Roma

ROMA Para quem ainda não conhece Roma, descobrirá que é impossível caminhar de um ponto a outro sem explorá-la  Texto elaborado a partir da live

Leia mais

Itália da Giulia · 2023 © Todos os direitos reservados