Come Si Vive L’estate In Italia

Compartilhe este post

Mi chiedevo spesso come fosse l’estate in Italia. Prima di trasferirmi in questo paese, immaginavo come poteva essere l’estate qui. All’inizio è stata un’esperienza completamente nuova perché non ero abituata a questo tipo di caldo e al comportamento degli italiani.

Quando si avvicina l’estate in Italia, molte cose cambiano: per alcuni tutto comincia a rallentare; per altri invece sono giorni di follia; entrambi però sono motivati dall’arrivo delle così attese ferie.

A fine giugno i bambini finiscono la scuola, il sole brucia di più e il caldo si fa sentire veramente; a luglio il sole brilla fino alle 21 e la giornata sembra eterna; si vede più gente fuori a fare le passeggiate, a trovarsi con gli amici, a fare l’aperitivo, o semplicemente a godere un po’ d’aria fresca.

Già a fine luglio, le valigie di molti italiani sono pronte per la partenza, i progetti di lavoro si devono fare di fretta perché si deve consegnare tutto prima d’agosto, prima che l’ufficio chiuda.

Le strade vuote sono il simbolo dell’estate in Italia

Arriva agosto e sembra che, nelle città italiane, il tempo si fermi. Strade vuote, negozi chiusi, caldo e silenzio.

La prima impressione che ho avuto quando ho vissuto questa esperienza è quella di una città desertica, quasi fantasma.

C’è qualche eccezione: nelle grandi città i supermercati grandi lavorano, anche se con degli orari speciali e il resto dei negozi scelgono dei giorni di ferie specifici che comunicano con un cartello alla porta che normalmente dice “Chiuso per ferie, dal… al…”

Però, c’è un’eccezione: i posti turistici di mare e montagna sono pieni. Lì si lavora tantissimo perché, ovviamente, tutte le persone che abbandonano le città si trovano in questi luoghi. 

Tuttavia, agli italiani piace tanto viaggiare anche all’estero, a volte di più che viaggiare in Italia perché in questo periodo i prezzi degli alloggi turistici sono molto cari. 

Questo fenomeno di “abbandono delle città” fa parte della vita degli italiani e si ripete ogni anno.

Le persone si preparano per questo momento. Uno straniero magari non lo sa e non lo capisce la prima volta, ma quando decide di andare in negozio il 15 agosto a fare la spesa o a comprare un deodorante e vede che le porte sono chiuse dappertutto, comincia a farsi delle domande. 

Perché il tempo si ferma ad agosto? Ecco due motivi principali:

1. Le ragioni pratiche dei tempi moderni: il caldo!

Con temperature che vanno oltre i 30°C, anche se si lavora in ufficio con l’aria condizionata, il solo uscire di casa può diventare molto faticoso e addirittura rischioso per bambini e anziani.

Durante la mia prima estate in Italia, per me era molto strano vedere al telegiornale servizi riguardanti persone che morivano a causa del caldo e gli annunci sugli orari consigliati per uscire senza avere il pericolo di disidratarsi. Se questo è un problema adesso, immaginate com’era molti anni fa per i lavoratori nelle grandi industrie senza l’aria condizionata.

Poi, le scuole sono chiuse dalla seconda metà di giugno fino a metà settembre, quindi è il momento in cui le famiglie hanno più tempo per pianificare e fare i viaggi.

2. Le ragioni storiche: il famoso Ferragosto.

In Italia questo giorno è sacro, non si lavora, non si fa nulla, tranne che riposarsi o fare qualcosa come svago. Questo è un giorno di festa che si celebra il 15 agosto.

Ho letto che il suo nome deriva dal latino feriae Augusti (riposo di Augusto), in onore di Ottaviano Augusto, primo imperatore romano, da cui prende il nome il mese di agosto e stabilisce questo giorno di festa per la prima volta.

Stiamo parlando dell’anno 18 avanti Cristo (a.C.). In quell’epoca, l’attività commerciale principale era l’agricoltura ed era proprio in agosto che finivano i raccolti, principalmente del grano, attività molto faticosa che si portava avanti tutto l’anno.

Così, l’imperatore Ottaviano Augusto decise che nel mese di agosto si dovevano celebrare i raccolti (gli Augustali) e ci si dedicava interamente al riposo.

L’imperatore aveva fissato il primo agosto come giorno di inizio del mese di riposo, poi la Chiesa Cattolica spostò la festività al 15 agosto, per farla coincidere con il giorno dedicato all’Assunzione di Maria.

Più avanti, in epoca fascista, la tradizione del Ferragosto si è amplificata con le “sovvenzioni”, cioè una serie di vantaggi per le classi meno abbienti per poter permettersi di fare dei piccoli viaggi e godersi le vacanze.

C’è a chi piace passare l’estate italiana in città

Bisogna comuque dire che, anche se quasi tutti gli italiani spariscono dalle città ad agosto, non proprio a tutti piace andare in vacanza in questo periodo.

Infatti, c’è chi preferisce vivere l’estate italiana rimanendo a casa per godersi la tranquillità della città come mai si vede durante l’anno: vuota, quasi tutta per sé stessi, e subito dopo andare in natura godendosi la bassa stagione e riposare veramente.

Alcuni lo possono fare e altri no, per cui bisogna adattarsi. Chi si prende le ferie in agosto, deve prenotare tutto con molto anticipo per non trovare dei prezzi molto alti. Bisogna anche prepararsi mentalmente a incontrare tantissime persone in questi luoghi di vacanza.

Chi decide invece di rimanere a casa, deve prepararsi a cambiare la routine: fare la spesa prima che chiuda tutto e segnarsi le date dei posti di interesse che rimarranno aperti.

L’estate in Italia è tutta da scoprire: le persone sono più animate, ci sono molte attività all’aria aperta, ma allo stesso tempo bisogna organizzarsi un po’ perché tutto cambia. Ma credetemi: potete sopravvivere!

Testo di Angélica M. Velazco J.

Leia o artigo em português: Como Se Vive O Verão Na Itália

Faça o exercício desse artigo: Esercizi

Veja também:

Storia di Aline Aquino Gargiulo

“Ho un debito con l’Italia”   Con queste parole inizia la storia di Aline Aquino Gargiulo. Aline è una donna sempre sorridente, molto educata e

Leia mais

Roma

ROMA Para quem ainda não conhece Roma, descobrirá que é impossível caminhar de um ponto a outro sem explorá-la  Texto elaborado a partir da live

Leia mais

Itália da Giulia · 2023 © Todos os direitos reservados